• Andreani Veronica

    Scuola Normale Superiore di Pisa, Classe di Scienze umane

  • Belmonte Carmen

    Università di Udine, Kunsthistorisches Institut in Florenz - Max-Planck-Institut

  • Berardocco Virgilio

    Università della Svizzera italiana, Istituto di storia e teoria dell'arte e dell'architettura

  • Bernasconi Evelina

    Università della Svizzera italiana, Istituto di studi italiani

  • Campeggiani Ida

    Scuola Normale Superiore di Pisa, Classe di Scienze umane

  • Cantarini Giovanni

    Universität Basel, Musikwissenschaftliches Seminar

  • Cappelletti Irene

    Università della Svizzera italiana, Istituto di studi italiani

  • Cauzzi Chiara

    Università della Svizzera italiana, Istituto di studi italiani

  • Comisso Irene

    Università della Svizzera italiana, Istituto di studi italiani

  • Conti Giuseppe

    Universität Basel, Musikwissenschaftliches Seminar

  • Corcione Riccardo

    Università della Svizzera italiana, Istituto di studi italiani

  • De Cicco Dario

    Université de Genève, Università di Pavia, Facoltà di Musicologia di Cremona

  • Di Benedetto Sergio

    Università della Svizzera italiana, Istituto di studi italiani

  • Duvia Cesare

    Università della Svizzera italiana, Istituto di studi italiani

  • Emelianova Irina

    Università della Svizzera italiana, Istituto di storia e teoria dell’arte e dell’architettura

  • Farafonova Daria

    Università della Svizzera italiana, Istituto di studi italiani

  • Fasano Alberta

    Università della Svizzera italiana, Istituto di studi italiani

  • Franzoni Jessica

    Universität Bern, Institut für Italienische Sprache und Literatur

  • Frigerio Sveva

    Université de Genève, Département des langues et des littératures romanes, Unité d’italien

  • Galli Francesca

    Università della Svizzera italiana, Istituto di studi italiani

  • Giudici Laura

    Université de Fribourg, Histoire de l’art des temps modernes

  • Holler Theresa

    Humboldt-Universität zu Berlin, Kunsthistorisches Institut in Florenz - Max-Planck-Institut

  • Lazzarini Andrea

    Scuola Normale Superiore di Pisa, Classe di Scienze umane

  • Lurati Patricia

    Universität Zürich, Kunsthistorisches Institut

  • Moizi Mirko

    Università della Svizzera italiana, Istituto di storia e teoria dell’arte e dell’architettura

  • Musi Elena

    Università della Svizzera italiana, Istituto di studi italiani

  • Pellizzato Giulia

    Università della Svizzera italiana, Istituto di studi italiani

  • Piffaretti Valentina

    Universität Bern, Institut für Italienische Sprache und Literatur

  • Rossari Cecilia

    Université de Genève, Département des langues et des littératures romanes, Unité d’italien

  • Ruga Maria Saveria

    Università di Pisa, Kunsthistorisches Institut in Florenz - Max-Planck-Institut

  • Saltamacchia Francesca

    Università della Svizzera italiana, Istituto di studi italiani

  • Sermini Sara

    Università della Svizzera italiana, Istituto di studi italiani

  • Sykes Louise

    Université de Genève, Université de Fribourg

  • Tempestini Sonia

    Università della Svizzera italiana, Istituto di studi italiani

  • Theler Pierre-Yves

    Université de Fribourg, Histoire de l’art des temps modernes

  • Trentini Matteo

    Università della Svizzera italiana, Istituto di storia e teoria dell’arte e dell’architettura

  • Wagner Filine

    Universität Zürich, Kunsthistorisches Institut

  • Westermann Simone

    Universität Zürich, Kunsthistorisches Institut

Cecilia Rossari

Université de Genève, Département des langues et des littératures romanes, Unité d’italien

Durata del progetto:

dal 2011 al 2018

Relatore/i - Relatrice/i:

Emilio Manzotti

Progetto:

Paesaggi e architetture nel romanzo italiano del ‘900 – Meneghello, Parise, Gadda

Il progetto verte su un concetto alla base della cultura novecentesca: quello della riasserzione della categoria di spazio nel discorso letterario. Gli obiettivi che questo lavoro si prefigge sono: la teorizzazione delle mappe tematiche interne al testo; la ridefinizione dell’oggetto letterario quale opera aperta, problematica, modellata su nuove percezioni e consapevolezze spaziali; l’incontro tra la pratica del romanzo e altri aspetti della produzione culturale, in particolare le scienze dello spazio (geografia, architettura, urbanistica); la trasformazione dell’autore in cartografo di città e paesaggi; la localizzazione dello spazio a livello narratologico: problematica della descrizione, del racconto e del commento; il dialogo intra e intertestuale affrontato secondo un principio tematico una volta riconosciute le costanti nei romanzi degli autori in esame (Meneghello, Parise, Gadda).

La metodologia adottata abbraccia al contempo le riflessioni di geografi, sociologi, filosofi, antropologi, per accompagnarle alle teorie di architetti, urbanisti e paesaggisti, e si inserisce quindi in un filone di studi comparatistici secondo cui la letteratura – o meglio la sezione testuale dell’immaginario depositaria delle relazioni affettive con il paesaggio e la città – può contribuire a definire nel discorso culturale nuove relazioni tra l’io letterario e la realtà.

Contatto email

cecilia.rossari@gmail.com