• Andreani Veronica

    Scuola Normale Superiore di Pisa, Classe di Scienze umane

  • Belmonte Carmen

    Università di Udine, Kunsthistorisches Institut in Florenz - Max-Planck-Institut

  • Berardocco Virgilio

    Università della Svizzera italiana, Istituto di storia e teoria dell'arte e dell'architettura

  • Bernasconi Evelina

    Università della Svizzera italiana, Istituto di studi italiani

  • Campeggiani Ida

    Scuola Normale Superiore di Pisa, Classe di Scienze umane

  • Cantarini Giovanni

    Universität Basel, Musikwissenschaftliches Seminar

  • Cappelletti Irene

    Università della Svizzera italiana, Istituto di studi italiani

  • Cauzzi Chiara

    Università della Svizzera italiana, Istituto di studi italiani

  • Comisso Irene

    Università della Svizzera italiana, Istituto di studi italiani

  • Conti Giuseppe

    Universität Basel, Musikwissenschaftliches Seminar

  • Corcione Riccardo

    Università della Svizzera italiana, Istituto di studi italiani

  • De Cicco Dario

    Université de Genève, Università di Pavia, Facoltà di Musicologia di Cremona

  • Di Benedetto Sergio

    Università della Svizzera italiana, Istituto di studi italiani

  • Duvia Cesare

    Università della Svizzera italiana, Istituto di studi italiani

  • Emelianova Irina

    Università della Svizzera italiana, Istituto di storia e teoria dell’arte e dell’architettura

  • Farafonova Daria

    Università della Svizzera italiana, Istituto di studi italiani

  • Fasano Alberta

    Università della Svizzera italiana, Istituto di studi italiani

  • Franzoni Jessica

    Universität Bern, Institut für Italienische Sprache und Literatur

  • Frigerio Sveva

    Université de Genève, Département des langues et des littératures romanes, Unité d’italien

  • Galli Francesca

    Università della Svizzera italiana, Istituto di studi italiani

  • Giudici Laura

    Université de Fribourg, Histoire de l’art des temps modernes

  • Holler Theresa

    Humboldt-Universität zu Berlin, Kunsthistorisches Institut in Florenz - Max-Planck-Institut

  • Lazzarini Andrea

    Scuola Normale Superiore di Pisa, Classe di Scienze umane

  • Lurati Patricia

    Universität Zürich, Kunsthistorisches Institut

  • Moizi Mirko

    Università della Svizzera italiana, Istituto di storia e teoria dell’arte e dell’architettura

  • Musi Elena

    Università della Svizzera italiana, Istituto di studi italiani

  • Pellizzato Giulia

    Università della Svizzera italiana, Istituto di studi italiani

  • Piffaretti Valentina

    Universität Bern, Institut für Italienische Sprache und Literatur

  • Rossari Cecilia

    Université de Genève, Département des langues et des littératures romanes, Unité d’italien

  • Ruga Maria Saveria

    Università di Pisa, Kunsthistorisches Institut in Florenz - Max-Planck-Institut

  • Saltamacchia Francesca

    Università della Svizzera italiana, Istituto di studi italiani

  • Sermini Sara

    Università della Svizzera italiana, Istituto di studi italiani

  • Sykes Louise

    Université de Genève, Université de Fribourg

  • Tempestini Sonia

    Università della Svizzera italiana, Istituto di studi italiani

  • Theler Pierre-Yves

    Université de Fribourg, Histoire de l’art des temps modernes

  • Trentini Matteo

    Università della Svizzera italiana, Istituto di storia e teoria dell’arte e dell’architettura

  • Wagner Filine

    Universität Zürich, Kunsthistorisches Institut

  • Westermann Simone

    Universität Zürich, Kunsthistorisches Institut

Laura Giudici

Université de Fribourg, Histoire de l’art des temps modernes

Durata del progetto:

dal 2012 al 2016

Relatore/i - Relatrice/i:

Victor E. Stoichita

Progetto:

Identités fluides: la représentation du cors intersexué de la naissance de la photographie à nos jours

Questo progetto si propone di studiare l’immaginario del corpo intersessuato, focalizzandosi principalmente sulla sua rappresentazione dalla nascita della fotografia fino ad oggi. L’obiettivo sarà infatti analizzare il ruolo che la produzione artistica del XX e XXI secolo ha giocato nel processo di rielaborazione del concetto d’identità intersessuale, e le diverse forme espressive che essa ha assunto. Ciò sarà tuttavia possibile solo dopo un’analisi dell’evoluzione iconografica della figura dell’ermafrodito dall’Antichità fino alla metà del XIX secolo.

In questa prospettiva, uno studio approfondito della scultura dell’Ermafrodito dormiente si rivelerà essenziale. Questa statua può infatti essere considerata come la rappresentazione più conosciuta di un corpo ermafrodito. Copia di un archetipo greco, la scultura, adagiata sul famoso materasso del Bernini, è integrata alle collezioni della villa romana del Cardinal Borghese nel 1620 e mostrata in un contesto e in circostanze particolari. Si tratterà quindi di mettere in luce le modalità e le possibili ragioni di questa messa in scena minuziosa. Ricostruendo il percorso di questa scultura, si potrà inoltre non solo comprendere come essa abbia saputo imporsi nell’immaginario collettivo, ma anche riflettere sulla storia della sua ricezione, un aspetto al quale questo studio desidera in generale riservare particolare attenzione.

Contatto email

laura.giudici@unifr.ch

Links

Pagina personale